A Formello per la Campestre Valli del Sorbo

Anno dopo anno l’appuntamento di Formello crescono il numero dei partecipanti di questo cross soprattutto grazie al passaparola dei vari atleti, che tornando a casa dopo aver avuto la fortuna di correre in uno scenario naturale e con una bellissima giornata di sole, ne decantano giustamente le lodi al punto da convincere qualche amico ad accompagnarli l’anno successivo.

I molti familiari al seguito e gli atleti che hanno corso o sono in attesa di correre la loro prova seguono lungo il percorso gli atleti incoraggiandoli nel loro sforzo e questo rende ancor più bella questa prova che è di per se dura, fatta di terreno sconnesso, ricco di insidie, con strappetti mozzafiato e ripide discese, tratti in ombra ancora presi dal gelo della notte ed altri invece resi scivolosi dalla fanghiglia creata proprio dalla brinata notturna scioltasi con il sole già alto di metà mattino e buon per tutti che nei giorni precedenti il clima sia stato benevolo, perché vi assicuriamo che correre una prova del genere nel fango diventa impresa veramente ardua.

Prima si comincia con le diverse categorie giovanili, per poi passare alla prova masters femminile prevista sulla distanza dei 3,5km con gli uomini ad incitare e subito dopo si ribaltano le parti, donne a fare il tifo e uomini che partono per 2 giri per un totale di 7,5km, con in testa uno dei più grandi interpreti italiani di questo genere di gare, quell’Angelo Carosi ex campione d’Europa dei 3.000 siepi e crossista quasi naturale per attitudine, che dopo aver condotto in testa con Marcello Capotasti, lo staccherà nella parte finale per giungere solo all’arrivo come da pronostico.

In 29 partono di buon mattino ed alla fine il team veliterno risulterà uno dei più numerosi e premiato anche per questo, tra gli oltre 500 partecipanti delle due prove masters.

La classifica finale non avrà rilevamento dei diversi tempi, ma solo delle posizioni. Tra le donne la migliore delle nostre è stata Alberta Ciarla, giunta 5^ della sua categoria, dopo di lei Lucilla Rapali, Alessandra Ciarla, Emanuela Felici, Rossana Trionfera (7^ di cat.) e Francesca Pentino.

Tra gli uomini miglior tempo anche domenica per Giancarlo Falcone, 62° assoluto, dietro di lui nell’ordine Gianluca Belardini, Maurizio Fiorini, Mauro Rapali, Silvano Modesto (6° di categoria con le sue attitudini), Fabrizio Soprano, Luis Ayala Sist, Giancarlo Casentini, Fabrizio Borro, Pietro Tora, Claudio Mauti, Benito Rapali, tornato a vincere domenica nella MM70, Italo Bagaglini, Daniele Bellisari, Alessandro Fatale, Giorgio Giansante, Roberto Monti, Antonio Lupi, Alvaro Tartaglia, Francesco Sambucci, Giancarlo Moriconi, Claudio Fede e Fernando Toti, come sempre tenace ed applauditissimo all’arrivo.

Domenica si torna sull’asfalto con la Fiumicino Half Marathon, un’altra gara sociale attesa per la distanza che ne fa un bel banco di prova a sole 2 settimane dalla Roma-Ostia che per la nostra società sarà quella del record, di cui vi parleremo a tempo debito.

Atletica Amatori Velletri

back