A ROMA per la Maratona “Percorrendo la Storia”

“Percorrendo la Storia”, è questo lo slogan coniato dal Comitato Organizzatore della più importante Maratona italiana, che quest’anno alla sua 12^ edizione ha raggiunto oltre 12.400 iscritti ed ha visto tagliare il traguardo con alle spalle il Colosseo, uno dei maggiori simboli nel mondo della Città Eterna, ben 10.034 atleti, record assoluto per il nostro Paese. Ben 5.092 gli iscritti provenienti da 73 nazioni tra le quali Emirati Arabi, Taiwan, Ecuador, Nigeria e Nuova Zelanda, per correre su strade e scenari unici, con una crescita notevolissima rispetto agli anni passati, tanto da far quasi divenire ufficiale la lingua inglese mentre si correva e si voleva scambiare qualche parola con il proprio compagno di spalla.

Anche l’ultimo arrivato, dopo oltre 7 ore dal via, era un canadese, a riprova di come viene in altri Paesi interpretata una prova per molti ritenuta “impossibile” per le proprie capacità e doti di resistenza. Correre ben 42,195 km sembra cosa riservata ai keniani, etiopi ed al massimo qualche europeo con doti eccezionali, mentre nello spirito amatoriale che nel mondo contraddistingue uno stile di vita e di ricerca di qualità e attenzione al proprio stato fisico, il percorso di una Maratona è per moltissimi un lungo viaggio che consente di vedere luoghi, di incontrare gente con le tue stesse passioni, di sfidare se stessi e magari migliorare anche di un solo minuto pur impiegando più del doppio del tempo del vincitore, di abbattere “muri” personali fatti magari di 5 ore vissute anche con sofferenza, ma concluse con la gioia per avercela fatta.

Per questo ci sembra giusto mettere in risalto quest’anno la prova dei nostri all’esordio sulla distanza, persone normali, non superatleti, prese dalla passione per la corsa e certamente attratte dal forte desiderio di provare, almeno una volta nella vita, l’emozione di partecipare e concludere una MARATONA.

Eravamo 39 gli iscritti, di essi 6 per problemi diversi non hanno potuto completare la necessaria preparazione e non hanno preso il via, altri 2 sono stati costretti al ritiro lungo il percorso e ben 31 hanno avuto di che gioire all’arrivo, in particolare è stata festa grande per la prima volta di Guido Monti, finisher in 3h58’47”, Enzo Ciafrei in 4h00’11”, Donato Spallotta in 4h12’36”, Mauro Monteferri in 4h24’56”, Roberto Tata 4h34’05” e Marcello Rosati 4h44’59”, 6 atleti che in meno di un anno da che corrono con continuità hanno coronato un sogno che magari sembrava impossibile ed impensabile prima, quello stesso sogno che magari molti di coloro che leggono avranno chissà quante volte fatto, pensandolo altrettanto irrealizzabile.

A loro diciamo di visitare il nostro sito www.atleticaamatorivelletri.it e di contattarci per iniziare a coltivarlo e magari il 18 marzo del 2007, quando è fissata la 13^ edizione della Maratona di Roma, chissà……

Grossa soddisfazione anche per il miglioramento del personale ottenuto da Fabrizio Borro in 3h20’06”, Luigi Amato in 3h22’46” e Marco Bottoni in 3h27’40”, quello che ha fatto il balzo maggiore.

E poi le nostre donne dalla tempra d’acciaio, Maria Sciotti in 4h20’25” e Alberta Ciarla in 4h22’03” ed ancora gli uomini nell’ordine con Gianluca Belardini in 2h58’55, Fabio Simonte e Angelo Colucciello appaiati in 3h02’02”, Fabrizio Soprano 3h15’12” (una conferma ormai in quantità e qualità),

Giancarlo Casentini, al solito pacemaker puntualissimo in 3h29’33”,

Paolo Fontana 3h35’30”, Guglielmo Frontini 3h54’57”, Orlando Caporro 4h04’05”, Stefano Cucchi 4h07’23”, Armando Andolfi 4h10’31”, Rocco Cucchi 4h11’10”, Roberto Monti 4h12’39”, Claudio Mauti 4h17’35”, Eligio Ciarla 4h24’05”, Enrico Lonigro 4h29’27”, Bruno D’Andrea 4h37’52”, Fabrizio Piccoli 4h47’08”, Giovanni Capuozzo 4h55’43”, Loris De Marchis 4h57’41” ed infine in 5h33’44” non poteva che esserci il nostro Presidentissimo Antonio Lupi, presente nonostante la non ottimale preparazione a chiudere la schiera dei nostri e riportare tutti a casa

La giornata ci vedeva presenti anche in terra di Spagna, dove si correva contemporaneamente la Maratona di Barcellona con 4.177 arrivati al traguardo e tra essi anche due atleti con i nostri colori che l’hanno scelta per abbinare con le rispettive famiglie corsa, relax e turismo: Italo Bagaglini ha chiuso in 3h42’54” e Ivo Barchiesi, il nostro maggior giramondo, che ha terminato in 4h29’08”.

Atletica amatori Velletri

back