Piena estate, si corre in montagna

Con l’arrivo del caldo e dell’elevata umidità gli atleti d’elite vanno solitamente a compiere periodi di allenamento in altura, in Italia ed all’estero (gli altipiani della Namibia e del Kenia su tutti), per poi tornare a gareggiare sul livello del mare potendo contare sugli effetti allenanti maturati intorno ai 2000 metri slm.

I nostri, anche per coerenza con il loro spirito agonista sì, ma da appartenenti alle categorie amatori/masters, fanno l’esatto contrario: continuano ad allenarsi, magari riducendo un po’ tutti il numero dei chilometri settimanali, nelle nostre calde ed umide lande, per poi andare a gareggiare in montagna, dove magari si avverte la carenza di ossigeno, però la temperatura ed i panorami ripagano degli sforzi.

In agosto ormai dal 2001 un numeroso gruppo associa le vacanze con la passione per la corsa e si trasferisce per un periodo a Feltre nel Bellunese, dove prende parte alla gara a tappe DOLOMITI PARK ROAD (11/12/13 agosto), ma da un paio di anni alcuni hanno fatto da apripista coinvolgendo un sempre più crescente numero alla partecipazione ad una delle più belle manifestazioni che si svolgono sulle nostre Alpi,

LA CAMIGNADA, gara non competitiva di 30km che parte dal Lago di Misurina (1.752mt s.l.m. tra Alleghe e Cortina) ed arriva agli 864mt s.l.m. Auronzo di Cadore, dopo aver toccato 6 rifugi, tutti ben oltre i 2.000 metri. Hanno iniziato in 3, domenica 6/8 erano ben 9 i nostri atleti al via, in testa il Presidente Antonio Lupi e con lui, Alberta Ciarla, Mara Cecchini, Maurizio Mammucari, Franco Maggiore, Giorgio De Marzi, Daniela Abbadini, Eligio Ciarla e Fabio Cascapera.

Stessa domenica alle 9.30 dai 580mt s.l.m. di Subiaco in località Montore, partiva l’11^ edizione de LA SPEATA, una gara interamente in salita lungo la strada che porta fino ai 1.400mt circa di Monte Livata e che ogni anno vede al via un gran numero di podisti, nonostante il periodo e le difficoltà della gara, con alcuni tratti nei primi 3km che raggiungono il 15% di pendenza e mettono a dura prova il ritmo degli atleti.

Grandi successi per la famiglia Rapali all’arrivo, con Benito (1h12’49”) e la moglie Rossana Trionfera (1h31’52”), entrambi vincitori delle rispettive categorie, il popolare Ninetto stupiva ancora una volta migliorandosi di ben 4’ sul suo tempo del 2005. I tempi degli altri nell’ordine: Gianluca Belardini 49° in 57’47”, Giancarlo Casentini 1h02’49”, Fabrizio Borro 1h09’48”, Stefano Cucchi 1h10’07”, Marco Bottoni 1h10’40”, Guido Monti 1h14’07”, Giorgio Giansante 1h17’19”, Massimo Serangeli 1h17’34”, Fabrizio Piccoli 1h23’28”, Marcello Pennacchi 1h27’40” e Fernando Toti 1h54’05”.

Per la società raggiunto nel complesso il 5° posto nella classifica di società.

Atletica Amatori Velletri

back