VOLA CIAMPINO, Veliterni terzi

A Ciampino domenica 6/3 una bella 10km su strada dove la nostra società partecipa sempre in gran numero, per la vicinanza e per il fascino che questa gara ha acquisito, garantendo un po’ tutte le cose che si chiedono ad un diecimila su strada: percorso ben chiuso al traffico, misurato e veloce, sia pur nella varietà di leggera salita e leggera discesa alternata, gran numero di partecipanti, circa 800 all’arrivo, con le squadre romane anch’esse giunte in massa e solo due colossi come le squadre dei Bancari Romani e dei Roma Road Runners Club, sono giunte davanti all’Atletica Amatori Velletri, terza nella classifica riservata alle società

Due splendide iniziative hanno fatto parte di questa gara: una nasce da un atleta romano molto conosciuto, Pino Papaluca, che insieme a Roberto Tognalini, hanno organizzato una raccolta di scarpe da running usate, proprio quelle che molti accantonano in un angolo quando si pensa abbiano esaurito le loro capacità di assorbimento, per farne oggetto di dono ai ragazzi di un villaggio in Kenia, Korogocho, dove nel migliore dei casi i giovani abitanti corrono con ai piedi una specie di ciabatte artigianali, ma quasi tutti sono scalzi e accoglieranno con gioia queste scarpe e quelle che saranno ancora raccolte anche nelle gare romane delle prossime settimane a partire dalla Maratona di Roma.

L’altra è quella del gruppo Progetto Filippide, presente con un gran numero di ragazzi, ospiti dell’organizzazione.

Questo progetto, guidato da un altro nome molto conosciuto a Roma, Nicola Pintus, attraverso un programma seguito da un’equipe di volontari e professionisti, segue ragazzi autistici che hanno corso insieme ai loro accompagnatori, domenica alcuni correranno la Maratona di Roma e ai primi di giugno saranno alle isole Svaalbard per la Maratona del Polo Nord (sopra l’80° parallelo) che sarà seguita anche scientificamente dal CNR.

Il più famoso di questi ragazzi, Alberto Rubino è un maratoneta da 3h13’ e quindi appare molto riduttivo parlare di loro solo come disabili, o diversamente abili e domenica vederli prima del via con i loro familiari, accompagnatori ed amici, è stato un gran motivo per giudicare quella di domenica una bella giornata di sport e la miglior risposta che si potrebbe dare a qualche automobilista o passante che ancora oggi al vederci passare mentre ci alleniamo per le strade, ironicamente dice o pensa “ma chi ve lo fa fare”.

Ben 11 le donne presenti con risultati di rilievo per Maria Sciotti (2^ di cat.), Rossana Trionfera (3^ di cat.), Antonella Cugini (4^ di cat.) e Mara Cecchini (5^ di cat.). In crescita anche le prestazioni di Nelita Gentile e Francesca Bizzoni e buone le prestazioni delle altre, Alberta Ciarla, Luisa D’Angelo, Daniela Abbadini, Alessandra Ciarla e Monia Giordani.

Tra gli uomini migliori piazzamenti nelle classifiche di categoria per Benito Rapali (2°) e Alvaro Tartaglia (5°), per altri, nonostante buoni riscontri cronometrici, l’elevata competitività ha riservato posizioni fuori dalle premiazioni, così per Fabio Simonte (36’02”), Gianluca Belardini (36’44”), Mauro Simonte 37’53”), Giancarlo Casentini (38’02”), Silvano Modesto (39’40”) e Fabrizio Borro (40’56”). In crescita Enzo Cinquegrana (42’20”), Stefano Zaccagnini (43’14”) e Fabrizio Soprano (44’49”), per quasi tutti gli altri un buon test controllato nella gestione delle energie, risparmiate in vista della Maratona di Roma di domenica 13, uno degli appuntamenti clou della stagione. Hanno partecipato anche Maurizio Fiorini, Egidio Cervini, Claudio Mauti, Teseo Mastrangeli, Massimo Serangeli, Fabrizio Piccoli, Rocco Cucchi, Marco Bottoni, Ivo Barchiesi, Simone Ermacora, Bruno D’Andrea, Giovanni Capuozzo, Loris De Marchis, Enrico Lonigro, Francesco Lupi, Marcello Pennacchi, Francesco Prisco, Giorgio Giansante, Antonio Lupi, Mario Leoni, Maurizio Mammucari, Armando Andolfi, Roberto Tata, Franco Maggiore, Giuseppe Cuggiardi, Claudio Fede, Gino Petrella e il “sempreverde” Fernando Toti.

Atletica amatori Velletri

back